Skip to main content
Agriculture and rural development

Fave Santorinis DOP "sposate" con capperi e cipolle rosse

Porta il sole dorato e l'aria frizzante del Mar Egeo sulla tua tavola con questo piatto gustoso.

Preparazione

Ingredienti

  • 500 g di fave di Santorini

  • 2 cipolle rosse medie, tagliate grossolanamente

  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva greco

  • 1 rametto di timo fresco

  • 1,5 l di acqua

  • sale

  • succo di limone

  • olio extravergine di oliva per condire

Per "sposare" le fave

  • 2 cipolle rosse

  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva

  • 1 cucchiaio di aceto di vino rosso

  • 2 cucchiai di capperi

Ingredienti facoltativi

  • acciughe marinate

  • cipolle in salamoia

  • pomodori ciliegini in conserva

  • foglie di cappero e boccioli di fiore di cappero

  • olio aromatizzato con cip

Istruzioni

1. Mettere 500 g di fave Santorinis DOP a bagno in acqua per 30 minuti.

2. Fare soffriggere due cipolle a dadini e un rametto di timo in una padella con 4 cucchiai di olio di oliva.

3. Scolare le fave Santorinis DOP e versarle nella padella.

4. Aggiungere 1,5 l d'acqua e portare ad ebollizione. Lasciare cuocere il tutto per 50 minuti.

5. Come contorno, tagliare ad anelli 2 cipolle rosse e adagiarle in un padella calda. Aggiungere 1 cucchiaio di aceto di vino rosso e cuocere finché non saranno caramellizzate. Quindi aggiungere 2 cucchiai di capperi.

6. Mescolare le fave Santorinis DOP finché non saranno cremose. Condire con olio, sale e succo di limone, quindi aggiungere le cipolle caramellate e i capperi.

7. Versare in un piatto e guarnire con sottaceti, acciughe e olio di oliva. Buon appetito con le fave Santorinis DOP!

Perché ci piacciono le fave Santorinis DOP

Le fave Santorini DOP si coltivano a Santorini e nelle isole circostanti sin dall'età del bronzo.

Lisce, morbide e dolci, queste fave a forma di piccoli dischi gialli sono molto ricche di proteine e carboidrati.

Si cucinano rapidamente e facilmente, dando luogo a piatti delicati con un tocco di dolcezza.