Skip to main content
Agriculture and rural development

Regimi di qualità: come funzionano

Obiettivi dei regimi di qualità dell'UE

La politica di qualità dell'UE intende proteggere le denominazioni di prodotti specifici per promuoverne le caratteristiche uniche legate all'origine geografica e alle competenze tradizionali.

Le denominazioni dei prodotti possono beneficiare di una "indicazione geografica" (IG) se hanno un legame specifico con il luogo di produzione. Il riconoscimento "IG" consente ai consumatori di avere fiducia e di distinguere i prodotti di qualità. Allo stesso tempo aiuta i produttori a commercializzare meglio i loro prodotti.

I prodotti che sono in fase di esame o che hanno ottenuto il riconoscimento "IG" sono elencati nei registri dei prodotti di qualità. I registri comprendono anche informazioni sui disciplinari di produzione e le indicazioni geografiche per ciascun prodotto.

Riconosciute come proprietà intellettuale, le indicazioni geografiche svolgono un ruolo sempre più importante nei negoziati commerciali tra l'UE e altri paesi.

Altri regimi di qualità dell'UE mettono in evidenza il processo di produzione tradizionale o prodotti fabbricati in aree naturali difficili come la montagna o le isole.

Indicazioni geografiche

Le indicazioni geografiche stabiliscono diritti di proprietà intellettuale per prodotti specifici, le cui qualità sono specificamente legate alla zona di produzione.

Le indicazioni geografiche comprendono:

Il sistema delle indicazioni geografiche dell'UE protegge i nomi di prodotti provenienti da regioni specifiche e che possiedono qualità specifiche o godono di una reputazione legata al territorio di produzione. Le differenze fra DOP e IGP sono dovute principalmente alla quantità di materie prime del prodotto che devono provenire dalla zona o alla misura in cui il processo di produzione deve aver luogo nella regione specifica. L'IG è specifica per le bevande spiritose e i vini aromatizzati.

Denominazione di origine protetta (DOP)

I nomi di prodotti registrati come DOP sono quelli che hanno i legami più forti con il luogo dal quale provengono.

Image: Logo della denominazione di origine protetta (DOP)

Prodotti

Prodotti alimentari, prodotti agricoli e vini

Specifiche

Ogni parte del processo di produzione, trasformazione e preparazione deve avvenire nella regione specifica.

Per i vini ciò significa che le uve devono provenire esclusivamente dalla zona geografica in cui il vino è prodotto.

Esempio

L'olio di oliva Kalamata DOP è interamente prodotto nella regione di Kalamata, in Grecia, utilizzando varietà di olive di quella zona.

Etichetta

- obbligatoria per i prodotti alimentari e agricoli
- opzionale per il vino

Indicazione geografica protetta (IGP)

L'IGP sottolinea la relazione fra la regione geografica specifica e il nome del prodotto, quando una qualità specifica, una determinata reputazione o un'altra caratteristica particolare sono essenzialmente attribuibili all'origine geografica.

Image: Logo dell'indicazione geografica protetta (IGP)

Prodotti

Prodotti alimentari, prodotti agricoli e vini

Specifiche

Per la maggior parte dei prodotti, nella regione deve aver luogo almeno una delle fasi di produzione, lavorazione o preparazione.

Per i vini ciò significa che almeno l'85% dell'uva utilizzata deve provenire esclusivamente dalla zona geografica in cui il vino è effettivamente prodotto.

Esempio

Il Westfälischer Knochenschinken IGP viene prodotto in Vestfalia secondo tecniche secolari, ma le carni utilizzate non provengono esclusivamente da animali nati e allevati in questa regione specifica della Germania.

Etichetta

- obbligatoria per i prodotti alimentari e agricoli
- opzionale per il vino

Indicazione geografica (IG) per le bevande spiritose e i vini aromatizzati.

L'IG protegge il nome di una bevanda spiritosa o di un vino aromatizzato originari di un paese, una regione o una località in cui una qualità particolare, la reputazione o altre caratteristiche del prodotto sono essenzialmente attribuibili alla sua origine geografica.

Image: Logo dell'indicazione geografica protetta (IGP)

Prodotti

Bevande spiritose e vini aromatizzati

Specifiche

Per la maggior parte dei prodotti, nella regione deve aver luogo almeno una delle fasi di distillazione o preparazione. Tuttavia, non è necessario che i prodotti crudi provengano dalla regione.

Esempio

L'Irish Whiskey IG viene prodotto, distillato e fatto invecchiare in Irlanda fin dal 6º secolo, ma le materie prime non provengono esclusivamente dall'Irlanda.

Etichetta

Opzionale per tutti i prodotti

Specialità tradizionale garantita

La specialità tradizionale garantita (STG) evidenzia aspetti tradizionali quali il modo in cui il prodotto viene ottenuto o la sua composizione, senza essere collegata a una zona geografica specifica. Un prodotto registrato come STG ne protegge il nome da falsificazioni e abusi.

Image: Logo della specialità tradizionale garantita (STG)

Prodotti

Prodotti alimentari e agricoli

Esempio

La Gueuze STS è una birra tradizionale ottenuta con un processo di fermentazione spontanea. È generalmente prodotta a Bruxelles e nelle zone limitrofe, in Belgio. Tuttavia, trattandosi di una STG, il metodo di produzione è protetto, ma la birra potrebbe essere prodotta altrove.

Etichetta

Obbligatoria per tutti i prodotti

Altri regimi

Prodotto di montagna

Il concetto "prodotto di montagna" evidenzia le specificità di un prodotto proveniente da zone di montagna, realizzato in condizioni naturali difficili.

Riconoscerlo è un vantaggio sia per gli agricoltori che per i consumatori. Consente agli agricoltori di commercializzare meglio il prodotto, ma garantisce anche che determinate caratteristiche siano chiare per il consumatore.

Prodotti

Prodotti agricoli e alimentari

Specifiche

Le materie prime e i mangimi provengono da zone di montagna. Per i prodotti trasformati, anche la produzione dovrebbe avvenire in zone di montagna.

Relazione: Etichettatura dei prodotti agricoli e alimentari di montagna

Prodotto delle regioni ultraperiferiche dell'UE

L'agricoltura nelle regioni ultraperiferiche dell'UE incontra difficoltà a causa della lontananza e dell'insularità, che comportano condizioni geografiche e meteorologiche difficili. Per garantire una maggiore conoscenza dei prodotti agricoli provenienti dalle regioni ultraperiferiche dell'UE (i dipartimenti francesi d'oltremare - Guadalupa, Guyana francese, Riunione e Martinique - e le Azzorre, Madera e le isole Canarie) è stato creato un apposito logo.

Esempio di logo per le regioni ultraperiferiche dell'UE

Prodotti

Prodotti agricoli e alimentari

Specifiche

Prodotti nelle regioni ultraperiferiche

Etichetta

Esempio di logo di prodotti agricoli e alimentari provenienti dalle regioni ultraperiferiche dell'UE

Regimi di certificazione volontari

Anche i sistemi volontari di certificazione a livello nazionale o gestiti da operatori privati possono aiutare i consumatori a essere sicuri della qualità dei prodotti che scelgono.

Oltre ai regimi dell'UE, esistono numerosi regimi o marchi di qualità alimentare privati e nazionali che coprono un'ampia gamma di iniziative e operano tra imprese o tra imprese e consumatori.

In consultazione con le parti interessate, la Commissione europea ha elaborato orientamenti che illustrano le migliori pratiche per il funzionamento di tali regimi.

Orientamenti UE sulle migliori pratiche riguardo ai regimi facoltativi di certificazione per i prodotti agricoli e alimentari
italiano
(187.29 KB - HTML)
Scarica

Regolamenti sui regimi di qualità

La Commissione ha adottato una serie di regolamenti sull'applicazione dei regimi di qualità:

Regolamenti sui prodotti alimentari e agricoli

Regolamenti sul vino

Regolamenti sulle bevande spiritose

Regolamenti sui vini aromatizzati

Regolamenti sui prodotti di montagna

Regolamenti sui prodotti delle regioni ultraperiferiche

Proposta di rafforzamento del sistema delle IG

Il 31 marzo 2022 la Commissione ha adottato una proposta di regolamento sulle indicazioni geografiche del vino, delle bevande spiritose e dei prodotti agricoli e di altri regimi di qualità dei prodotti agricoli. La proposta mira ad aumentare la diffusione delle IG in tutta l'UE al fine di avvantaggiare l'economia rurale e conseguire un livello più elevato di protezione dei prodotti, in particolare online. 

La Commissione ha proposto, tra l'altro, le seguenti misure per rafforzare e migliorare il sistema esistente:

  • una maggiore sostenibilità, consentendo ai produttori di valorizzare le loro azioni in materia di sostenibilità sociale, ambientale ed economica nel disciplinare di produzione
  • una maggiore protezione delle IG su Internet, in particolare per quanto riguarda le vendite tramite piattaforme online, la protezione contro le registrazioni in malafede e l'uso delle IG nel sistema dei nomi di dominio
  • consentire ai gruppi di produttori di gestire, applicare e sviluppare le loro IG grazie all'accesso alle autorità anticontraffazione e doganali di tutti i paesi dell'UE
  • una procedura di registrazione semplificata e abbreviata fonderà le diverse norme tecniche e procedurali, dando luogo a un'unica procedura di registrazione delle IG per i richiedenti UE ed extra UE.

La proposta della Commissione è il risultato di un ampio processo di consultazione. Nell'ottobre 2020 è stata pubblicata una valutazione d'impatto iniziale, cui hanno fatto seguito tra gennaio e aprile 2021 una consultazione pubblica, nonché consultazioni mirate con i paesi dell'UE e le organizzazioni delle parti interessate.

In che modo i prodotti sono protetti

Nell'ambito del sistema dell'UE in materia di diritti di proprietà intellettuale, i nomi di prodotti registrati come IG sono giuridicamente protetti contro le imitazioni e gli abusi all'interno dell'UE e nei paesi terzi in cui è stato firmato un accordo di protezione specifico.

Per tutti i regimi di qualità, le autorità nazionali competenti di ciascun paese dell'UE adottano le misure necessarie per proteggere le denominazioni registrate nel loro territorio. Inoltre dovrebbero prevenire e bloccare la produzione o la commercializzazione illegale di prodotti che utilizzano tale denominazione.

Anche i nomi di prodotti non europei possono registrarsi come indicazioni geografiche se il loro paese di origine ha un accordo bilaterale o regionale con l'UE che comprende la protezione reciproca di tali denominazioni.

I nomi di vari prodotti (vino, alimenti, vini aromatizzati e bevande spiritose) prodotti in diversi paesi al di fuori dell'UE, come la Colombia o il Sudafrica, sono stati protetti.

Le IG richieste e inserite nei registri dell'Unione possono essere consultate su eAmbrosia (la banca dati ufficiale dei registri delle IG dell'UE), mentre le IG dell'UE e dei paesi terzi protette in virtù di accordi possono essere consultate sul portale GIview.

Scaricare i vari tipi di logo

Denominazione di origine protetta
italiano
(3.65 MB - ZIP)
Scarica
Indicazione geografica protetta
italiano
(3.69 MB - ZIP)
Scarica
Specialità tradizionale garantita
italiano
(3.67 MB - ZIP)
Scarica
Protected designation of origin (PDO)

Product names registered as PDO are those that have the strongest links to the place in which they are made.

  • Products: food, agricultural products and wines.
  • Specifications: Every part of the production, processing and preparation process must take place in the specific region. For wines, this means that the grapes have to come exclusively from the geographical area where the wine is made.
  • Example: Kalamata olive oil PDO is entirely produced in the region of Kalamata in Greece, using olive varieties from that area.
  • Label: mandatory for food and agricultural products, optional for wine.
Protected geographical indication (PGI)

PGI emphasises the relationship between the specific geographic region and the name of the product, where a particular quality, reputation or other characteristic is essentially attributable to its geographical origin.

  • Products: food, agricultural products and wines.
  • Specifications: For most products, at least one of the stages of production, processing or preparation takes place in the region. In the case of wine, this means that at least 85% of the grapes used have to come exclusively from the geographical area where the wine is actually made.
  • Example: Westfälischer Knochenschinken PGI ham is produced in Westphalia using age-old techniques, but the meat used does not exclusively come from animals born and reared in that specific region of Germany.
  • Label: mandatory for food, agricultural products, optional for wines.
Geographical indication of spirit drinks (GI)

The GI protects the name of a spirit drink originating in a country, region or locality where the product’s particular quality, reputation or other characteristic is essentially attributable to its geographical origin.

  • Products: spirit drinks.
  • Specifications: For most products, at least one of the stages of distillation or preparation takes place in the region. However, raw products do not need to come from the region.
  • Example: Irish Whiskey GI has been brewed, distilled and matured in Ireland since the 6th century, but the raw materials do not exclusively come from Ireland.
  • Label: optional for all products.

Traditional speciality guaranteed

Traditional speciality guaranteed (TSG) highlights the traditional aspects, such as the way the product is made or its composition, without being linked to a specific geographical area. The name of a product being registered as a TSG protects it against falsification and misuse.

  • Products: food and agricultural products.
  • Example: Gueuze TSG is a traditional beer obtained by spontaneous fermentation. It is generally produced in and around Brussels, Belgium. Nonetheless, being a TSG, its production method is protected but it could be produced somewhere else.
  • Label: mandatory for all products.

Other schemes

Mountain product

The quality term ‘mountain product’ highlights the specificities of a product, made in mountain areas, with difficult natural conditions.

Recognising this is an advantage for farmers as well as consumers. It enables farmers to market the product better but also ensures certain characteristics are clear to the consumer.

  • Products: agricultural and food products.
  • Specifications: Raw materials and animal feed comes from mountain areas. For processed products, production should take place in such areas as well.

Report: Labelling of agricultural and food products of mountain farming

Product of EU's outermost regions

Agriculture in the EU’s outermost regions face difficulties due to remoteness and insularity, which brings with it difficult geographical and meteorological conditions. To ensure greater awareness of agricultural products from the EU’s outermost regions (the French Overseas Departments – Guadeloupe, French Guiana, Réunion and Martinique – and the Azores, Madeira and the Canary Islands) a dedicated logo has been created.

  • Products: agricultural and food products.
  • Specifications: produced in outermost regions
  • Label: logo example for agricultural and food products from the EU’s outermost regions.

Voluntary certification schemes

Voluntary certification schemes at national level or those run by private operators can also help consumers to be confident about the quality of the products they choose.

In addition to the EU schemes, a large number of private and national food quality schemes or logos exist, covering a wide range of initiatives and operating between businesses or between businesses and consumers.

In consultation with stakeholders, the European Commission developed guidelines showing best practice for the operation of such schemes.

Orientamenti UE sulle migliori pratiche riguardo ai regimi facoltativi di certificazione per i prodotti agricoli e alimentari
italiano
(187.29 KB - HTML)
Scarica

Regulations on quality schemes

The Commission has adopted a number of regulations on the application of quality schemes:

Regulations on food and agricultural products

Regulations on wine

Regulations on spirit drinks

Regulations on aromatised wines

Regulations on mountain products

Regulations on products of outermost regions

Proposal to strengthen GI system

On 31 March 2022, the Commission adopted a proposal for a regulation on GIs for wine, spirit drinks and agricultural products, and other quality schemes for agricultural products. The proposal aims to increase the uptake of GIs across the EU in order to benefit the rural economy and achieve a higher level of protection for products, especially online. 

The Commission has proposed the following measures, among others, to strengthen and improve the existing system:

  • more sustainability by allowing producers to valorise their actions relating to social, environmental and economic sustainability in their product specifications;
  • increased protection for GIs on the internet, specifically with regard to sales via online platforms, protection against bad faith registrations and use of GIs in the domain name system;
  • empowering producers' groups to manage, enforce and develop their GI by having access to anti-counterfeiting authorities and customs in all EU countries;
  • a shortened and simplified registration procedure will merge the different technical and procedural rules, resulting in a single GI registration procedure for EU and non-EU applicants.

The Commission's proposal is the result of an extensive consultation process. An inception impact assessment was published in October 2020. This was followed by a public consultation between January and April 2021, as well as targeted consultations with EU countries and relevant stakeholder organisations.

How products are protected

As part of the EU’s system of IPRs, names of products registered as GIs are legally protected against imitation and misuse within the EU and in non-EU countries where a specific protection agreement has been signed.

For all quality schemes, each EU country’s competent national authorities take the necessary measures to protect the registered names within their territory. They should also prevent and stop the unlawful production or marketing of products using such a name.

Non-European product names can also register as GIs if their country of origin has a bilateral or regional agreement with the EU that includes the mutual protection of such names.

The names of various products (wine, food and spirit drinks) produced in several countries outside the EU, such as Colombia or South Africa, have been protected.

GIs applied for and entered in the Union registers may be consulted on eAmbrosia (the official database of EU GI registers), while both EU and non-EU GIs protected under agreements can be consulted on the GIview portal.

Download logos

Denominazione di origine protetta
italiano
(3.65 MB - ZIP)
Scarica
Indicazione geografica protetta
italiano
(3.69 MB - ZIP)
Scarica
Specialità tradizionale garantita
italiano
(3.67 MB - ZIP)
Scarica

Documents

Administrative agreement between the Directorate-General for Agriculture and Rural Development and the European Union Intellectual Property Office
English
(1.1 MB - PDF)
Scarica

Proposal for a regulation on EU geographical indications for wine, spirit drinks and agricultural products, and quality schemes for agricultural products
English
(HTML)
Scarica

Annex to the proposal for a regulation on EU geographical indications for wine, spirit drinks and agricultural products, and quality schemes for agricultural products
English
(142.02 KB - PDF)
Scarica

Commission staff working document – executive summary of impact assessment report on proposal for a Regulation on geographical indications for wine, spirit drinks and agricultural products, and quality schemes
English
(HTML)
Scarica

Commission staff working document – impact assessment report on proposal for a Regulation on geographical indications for wine, spirit drinks and agricultural products, and quality schemes
English
(HTML)
Scarica

Commission staff working document – annex to the impact assessment report on proposal for a Regulation on geographical indications for wine, spirit drinks and agricultural products, and quality schemes
English
(HTML)
Scarica

Regulatory Scrutiny Board opinion – impact assessment report on proposal for a Regulation on geographical indications for wine, spirit drinks and agricultural products, and quality schemes
English
(HTML)
Scarica