Skip to main content
Agriculture and rural development

Sostegno al reddito

Introduzione ai pagamenti diretti per gli agricoltori.

Obiettivi del sostegno al reddito degli agricoltori

L'Unione europea offre alle aziende agricole un sostegno al reddito o "pagamenti diretti", il cui obiettivo è:

  • fungere da rete di sicurezza e accrescere la redditività dell'attività agricola
  • garantire la sicurezza alimentare in Europa
  • assistere nella produzione di alimenti sicuri, sani e a prezzi accessibili
  • ricompensare gli agricoltori perché forniscono beni pubblici normalmente non retribuiti dal mercato, come ad esempio la cura del patrimonio rurale e dell'ambiente.

Gli agricoltori ricevono in genere un sostegno al reddito in base alle dimensioni dell'azienda agricola in ettari. Tutti i paesi dell'UE devono erogare un pagamento di base, un pagamento per metodi di coltivazione sostenibili ("inverdimento") e un pagamento per giovani agricoltori. Dal momento che i paesi dell'UE sono tenuti a erogare tali pagamenti, questi sono spesso denominati pagamenti obbligatori.

Inoltre, i paesi dell'UE possono scegliere di offrire altri pagamenti incentrati su settori o tipi di agricoltura specifici. Esistono regimi specifici volti ad aiutare le piccole e medie aziende agricole, i giovani agricoltori, gli agricoltori che operano in zone soggette a vincoli naturali e/o settori in difficoltà.

La nuova PAC: 2023 - 2027

Nel giugno 2021, a seguito di intensi negoziati tra il Parlamento europeo, il Consiglio dell'UE e la Commissione europea, è stato raggiunto un accordo sulla riforma della politica agricola comune (PAC). L'accordo è stato formalmente adottato il 2 dicembre 2021, e la nuova PAC verrà avviata il 1º gennaio 2023.

Nell'ambito della nuova PAC saranno apportate modifiche all'attuale sistema di sostegno al reddito, con l'adozione di misure volte a garantire una distribuzione più equa del sostegno finanziario agli agricoltori e ai lavoratori di tutta l'UE. Fino al 2023 proseguiranno le attuali misure di sostegno al reddito, in linea con le disposizioni del regolamento transitorio della PAC.

Informazioni correlate

Pagamento di base

Inverdimento

Giovani agricoltori

Altri regimi di sostegno facoltativi

Opuscolo - La PAC spiegata: i pagamenti diretti agli agricoltori 2015-2020.

Collegare il sostegno al rispetto delle norme

L'UE collega la maggior parte del sostegno al reddito degli agricoltori a due criteri principali:

  • gli ettari coltivati, non i quantitativi prodotti. Per poter aumentare i loro profitti, gli agricoltori devono rispondere alle richieste del mercato. Disaccoppiare i pagamenti - vale a dire renderli indipendenti - dalle quantità prodotte evita le "montagne di generi alimentari" che l'UE ha dovuto smaltire alla fine degli anni 1970 e negli anni 1980
  • il rispetto dell'ambiente, della salute delle piante e della salute e del benessere degli animali, contribuendo all'agricoltura sostenibile, vale a dire la cosiddetta "condizionalità". Agli agricoltori che non rispettano le norme dell'UE può essere applicata una riduzione o totale sospensione dei pagamenti.

Informazioni correlate

Condizionalità

Perché gli agricoltori hanno bisogno di un sostegno

Il reddito medio delle aziende agricole rimane notevolmente al di sotto della media del resto dell'economia dell'UE.

L'attività agricola è rischiosa e spesso costosa. L'agricoltura dipende maggiormente dal clima e dalle condizioni meteorologiche di molti altri settori. Vi è un inevitabile intervallo di tempo tra la domanda dei consumatori e la capacità degli agricoltori di soddisfarla, dal momento che aumentare la produzione di frumento o di latte richiede tempo. 

Gli agricoltori dell'UE sono sotto pressione a causa dell'aumento del commercio mondiale di generi alimentari e della liberalizzazione degli scambi. Gli sviluppi sui mercati mondiali aumentano la concorrenza, ma creano anche nuove opportunità per il settore agroalimentare europeo. Inoltre, la globalizzazione e le fluttuazioni dell'offerta e della domanda hanno reso i prezzi del mercato agricolo più volatili negli ultimi anni, accrescendo le preoccupazioni degli agricoltori.

Queste incertezze commerciali nel settore agricolo giustificano il ruolo importante svolto dal settore pubblico nel garantire una rete di sicurezza per il reddito degli agricoltori.

Il sostegno al reddito in pratica

Ogni anno gli agricoltori sono tenuti a presentare una domanda di aiuto in cui dichiarano tutte le parcelle agricole dell'azienda. 

Se le norme che disciplinano il sostegno al reddito vengono definite a livello europeo, ciascun paese dell'UE provvede alla fase esecutiva. Le amministrazioni nazionali sono responsabili della gestione e del controllo del sostegno al reddito degli agricoltori nel loro paese ("gestione concorrente").

Nell'ambito del quadro giuridico dell'UE, ogni paese dispone inoltre di una certa flessibilità nelle modalità di attribuzione dei pagamenti per tenere conto delle condizioni specifiche dell'agricoltura nazionale, che variano sensibilmente da uno Stato membro all'altro. In linea con la normativa dell'UE in materia di trasparenza, le amministrazioni nazionali sono tenute a pubblicare l'elenco dei beneficiari dei pagamenti PAC.

Informazioni correlate

Norme dell'UE in materia di trasparenza

Condizioni del sostegno

Per ottenere il sostegno al reddito, gli agricoltori devono soddisfare diverse condizioni di ammissibilità.

Come regola generale, gli agricoltori sono tenuti a rispondere a una serie di criteri:

  • la loro azienda agricola deve essere situata all'interno dell'UE.
  • devono soddisfare i requisiti minimi per ricevere un sostegno al reddito. Il sostegno non è infatti concesso per importi inferiori a 100-500 euro (a seconda del paese dell'UE) e/o quando la superficie ammissibile è inferiore a 0,3-5 ettari
  • devono svolgere un'attività agricola (produzione, allevamento o coltivazione di prodotti agricoli, ecc., o mantenimento della terra in buone condizioni agronomiche) su una superficie agricola (compresi i seminativi, le colture permanenti e i prati permanenti) a loro disposizione
  • devono rispondere alla definizione di "agricoltore in attività". La nuova PAC contiene una definizione obbligatoria, ma flessibile, che fa riferimento ai livelli minimi di attività agricola, alle attività economiche non ammissibili, agli agricoltori pluriattivi e a tempo parziale e alla riduzione degli oneri amministrativi
  • nei paesi dell'UE che gestiscono i pagamenti di base con un sistema di diritti all'aiuto, l'agricoltore deve detenere tali diritti per poter accedere ai pagamenti del sostegno disaccoppiato al reddito.

Informazioni correlate

Norme dell'UE sul sostegno al reddito degli agricoltori

Eligibility for income support
English
(157.79 KB - PDF)
Scarica
Active Farmer - Decisions taken by Member States following the entry into force of the omnibus regulation - April 2018
English
(518.6 KB - PDF)
Scarica

Livello di sostegno disponibile

Il sostegno al reddito va a vantaggio di quasi 6,3 milioni di aziende agricole in tutta l'UE e rappresenta spesso una quota importante del reddito agricolo. In media, negli ultimi 10 anni, il sostegno al reddito ha rappresentato quasi la metà del reddito degli agricoltori.

Il livello del sostegno al reddito può variare notevolmente da un'azienda all'altra, da un paese dell'UE all'altro o da una regione all'altra.

L'UE gestisce un meccanismo denominato "convergenza esterna" che intende adeguare progressivamente i pagamenti del sostegno al reddito per ettaro in ciascun paese, verso l'alto o verso il basso, per avvicinarli al livello medio dell'UE.

Attualmente ciò significa che nei paesi dell'UE in cui il pagamento medio è inferiore al 90% della media europea lo stesso viene aumentato di un terzo della differenza tra il tasso in vigore e il 90% della media europea. Nei paesi in cui il pagamento medio è superiore alla media dell'UE, gli importi vengono adeguati verso il basso.

Nell'ambio della nuova PAC, che sarà varata nel gennaio 2023, i paesi dell'UE in cui il pagamento medio è inferiore al 90% della media europea vedranno aumentare il loro bilancio fino alla metà della differenza tra il tasso in vigore e il 90% della media europea. I pagamenti ammonteranno ad almeno 200 euro per ettaro nel 2022 e saliranno a 215 euro per ettaro nel 2027.

Il costo del sostegno al reddito

Nel 2018 il bilancio dell'UE ha stanziato 41,74 miliardi di euro per il sostegno al reddito. Tale importo è stato prelevato dal bilancio della politica agricola comune.

Informazioni correlate

La PAC in sintesi: come viene finanziata

Base giuridica

Le seguenti norme disciplinano il sostegno dell'UE al reddito nel settore agricolo:

Documents

Decisions taken by Member States for direct payments 2015-20 – June 2021
English
(1.07 MB - PDF)
Scarica

Summary report on the implementation of direct payments (except greening) in claim year 2019
English
(1.82 MB - PDF)
Scarica

Summary report on the implementation of direct payments (except greening) in claim year 2018
English
(1.84 MB - PDF)
Scarica

Summary report on the implementation of direct payments (except greening) in claim year 2017
English
(2.06 MB - PDF)
Scarica

Decisions taken by Member States for direct payments 2015-20 – December 2018
English
(3.72 MB - PDF)
Scarica

Direct payments: Financial mechanisms in the new system – 2013 CAP reform (June 2016)
English
(1.2 MB - PDF)
Scarica

Decisions taken by Member States for direct payments 2015-20 – June 2016
English
(2.09 MB - PDF)
Scarica

Summary report on the implementation of direct payments in claim year 2016
English
(1.95 MB - PDF)
Scarica

Summary report on the implementation of direct payments for claim year 2015
English
(1.91 MB - PDF)
Scarica

Direct payments post 2014 – decisions taken by Member States by 1 August 2014
English
(1.57 MB - PDF)
Scarica