Skip to main content
Agriculture and rural development

Paesi interessati dal processo di allargamento

Panoramica del commercio di prodotti agroalimentari tra l'UE e i paesi candidati e potenziali candidati all'allargamento dell'UE.

Commercio agroalimentare con i paesi interessati dal processo di allargamento

L'UE e i paesi interessati dal processo di allargamento intrattengono strette relazioni commerciali.

Con i Balcani occidentali l'UE ha concluso accordi di stabilizzazione e associazione (ASA), che istituiscono una zona di libero scambio nel corso del periodo transitorio, ormai giunto a termine per tutti i paesi tranne il Kosovo. Gli accordi prevedono l'eliminazione dei dazi e delle restrizioni non tariffarie sugli scambi bilaterali e riguardano tutte le merci, ad eccezione di alcuni prodotti agricoli e della pesca soggetti a dazi ridotti e/o concessioni quantitative.

Dal 2008 gli scambi di prodotti agroalimentari con la regione sono raddoppiati e l'espansione del commercio ha generalmente avvantaggiato i paesi dei Balcani occidentali: in dieci anni le esportazioni della regione verso l'UE sono aumentate di oltre il 100%, mentre le esportazioni dell'UE verso la regione hanno registrato un aumento più modesto, pari al 52%. Nel complesso, tuttavia, l'UE è un esportatore netto di prodotti agroalimentari verso i paesi dei Balcani occidentali, tranne nel caso della Serbia.

Inoltre, nell'ambito delle misure commerciali autonome concesse ai Balcani occidentali dal 2000, i paesi continuano a beneficiare di determinate preferenze nei loro scambi commerciali con l'UE, che consentono ad esempio di sospendere i dazi specifici normalmente applicati agli ortofrutticoli e di accedere a un contingente globale per i vini dopo l'esaurimento dei contingenti bilaterali previsti dai rispettivi ASA.

Nel caso della Turchia, l'UE ha concluso un accordo speciale sul commercio di prodotti agricoli che non sono contemplati dall'unione doganale tra le due parti.

Informazioni correlate

Relazioni commerciali UE-Balcani occidentali

Relazioni commerciali UE-Turchia

Paesi

Albania

Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e l'Albania sono disciplinate dall'ASA UE-Albania. L'accordo è entrato in vigore il 1º aprile 2009, anche se la parte relativa agli scambi commerciali era già entrata in vigore tramite un accordo interinale il 1º dicembre 2006.

L'accordo prevede un elevato livello di liberalizzazione, con alcune eccezioni minori riguardanti un numero limitato di prodotti agricoli. Ai sensi dell'accordo, tutti i prodotti agricoli originari dell'Albania possono entrare nell'UE in esenzione da dazi, ad eccezione delle carni bovine, dello zucchero e del vino, che sono soggetti a contingenti tariffari preferenziali. Per quanto riguarda le esportazioni dell'UE in Albania, alcuni prodotti non sono stati completamente liberalizzati, ma beneficiano di una riduzione dell'aliquota di base albanese (ad esempio i prodotti lattiero-caseari, alcuni cereali e sementi di cereali).

Nel settore agroalimentare l'UE vanta un notevole avanzo commerciale nei confronti dell'Albania, costituito principalmente da acque minerali, preparazioni alimentari, pane e prodotti di pasticceria. In compenso, l'UE importa dall'Albania soprattutto piante, pomodori ed alcuni prodotti ortofrutticoli.

L'accordo garantisce la protezione reciproca delle indicazioni geografiche dei vini, delle bevande alcoliche e dei vini aromatizzati in esso elencati.

Informazioni correlate

Accordo di stabilizzazione e associazione UE-Albania

Agri-food trade statistical factsheet – Albania
English
(426.04 KB - PDF)
Scarica

Bosnia-Erzegovina

Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e la Bosnia-Erzegovina sono disciplinate dall'ASA UE-Bosnia-Erzegovina. L'accordo è entrato in vigore il 1º giugno 2015, anche se la parte relativa agli scambi commerciali era già entrata in vigore tramite un accordo interinale il 1º luglio 2008. Di natura asimmetrica, l'accordo prevede un elevato livello di liberalizzazione, con pochissime eccezioni. Ai sensi dell'accordo, tutti i prodotti agricoli originari della Bosnia-Erzegovina possono entrare nell'UE in esenzione da dazi, ad eccezione delle carni bovine, dello zucchero e del vino, che sono soggetti a contingenti tariffari. Per quanto riguarda le esportazioni dell'UE in Bosnia-Erzegovina, alcuni prodotti non sono stati completamente liberalizzati, ma beneficiano di una riduzione dell'aliquota di base del paese (ad esempio animali vivi, carni, prodotti lattiero-caseari, frutta e succhi di frutta).

Nel settore agroalimentare l'UE vanta un notevole avanzo commerciale nei confronti della Bosnia-Erzegovina, costituito principalmente da carni bovine, dolciumi e preparazioni alimentari. In compenso, l'UE importa dalla Bosnia-Erzegovina soprattutto prodotti ortofrutticoli, pelli grezze e acque minerali.

L'accordo di stabilizzazione e associazione garantisce la protezione reciproca di tutte le indicazioni geografiche in esso elencate.

Informazioni correlate

Accordo di stabilizzazione e associazione UE-Bosnia-Erzegovina

Agri-food trade statistical factsheet – Bosnia and Herzegovina
English
(427.1 KB - PDF)
Scarica

Kosovo*

Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e il Kosovo sono disciplinate dall'ASA UE-Kosovo, entrato in vigore il 1° aprile 2016. L'accordo prevede un elevato livello di liberalizzazione, con alcune eccezioni riguardanti un numero limitato di prodotti agricoli. Ai sensi dell'accordo, tutti i prodotti agricoli originari del Kosovo possono entrare nell'UE in esenzione da dazi, ad eccezione delle carni bovine, dello zucchero e del vino, che sono soggetti a contingenti tariffari. Per quanto riguarda le esportazioni dell'UE in Kosovo, alcuni prodotti non sono stati completamente liberalizzati, ma beneficiano di una riduzione dell'aliquota di base del paese (ad esempio i prodotti lattiero-caseari, alcuni prodotti ortofrutticoli e il vino).

Nel settore agroalimentare l'UE vanta un notevole avanzo commerciale nei confronti del Kosovo, costituito principalmente da tabacco, acquee minerali e preparazioni alimentari. In compenso, l'UE importa dal Kosovo soprattutto alcuni prodotti ortofrutticoli, acque minerali e pelli grezze.

L'accordo di stabilizzazione e associazione garantisce la protezione reciproca di tutte le indicazioni geografiche in esso elencate.

*La designazione "Kosovo" non pregiudica le posizioni riguardo allo status ed è in linea con la risoluzione 1244 (1999) dell'UNSC e con il parere della Corte internazionale di giustizia sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo.

Informazioni correlate

Accordo di stabilizzazione e associazione UE-Kosovo

Agri-food trade statistical factsheet – Kosovo
English
(413.02 KB - PDF)
Scarica

Montenegro

Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e il Montenegro sono disciplinate dall'ASA UE-Montenegro, entrato in vigore il 1º maggio 2010, anche se la parte relativa agli scambi commerciali era già entrata in vigore tramite un accordo interinale il 1º gennaio 2008. L'accordo prevede un elevato livello di liberalizzazione, con poche eccezioni riguardanti un numero limitato di prodotti agricoli. Ai sensi dell'accordo, tutti i prodotti agricoli originari del Montenegro possono entrare nell'UE in esenzione da dazi, ad eccezione delle carni bovine, dello zucchero e del vino, che sono soggetti a contingenti tariffari preferenziali. Per quanto riguarda le esportazioni dell'UE in Montenegro, alcuni prodotti non sono stati completamente liberalizzati, ma beneficiano di una riduzione dell'aliquota di base del paese (ad esempio le carni, i prodotti lattiero-caseari e alcuni prodotti ortofrutticoli).

Nel settore agroalimentare l'UE vanta un notevole avanzo commerciale nei confronti del Montenegro, costituito principalmente da prodotti lattiero-caseari, carni e preparazioni alimentari. In compenso, dal Montenegro importa principalmente prodotti ortofrutticoli (funghi), vino e olio d'oliva.

L'accordo di stabilizzazione e associazione garantisce la protezione reciproca di tutte le indicazioni geografiche in esso elencate.

Informazioni correlate

Accordo di stabilizzazione e associazione UE-Montenegro

Agri-food trade statistical factsheet – Montenegro
English
(408.55 KB - PDF)
Scarica

Macedonia del Nord

Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e l'Albania sono disciplinate dall'ASA UE-Macedonia del Nord. L'accordo è entrato in vigore il 1º aprile 2004, anche se la parte relativa agli scambi commerciali era già entrata in vigore tramite un accordo interinale il 1º giugno 2001. L'accordo prevede un elevato livello di liberalizzazione, con poche eccezioni riguardanti un numero limitato di prodotti agricoli. Ai sensi dell'accordo, tutti i prodotti agricoli originari della Macedonia del Nord possono entrare nell'UE in esenzione da dazi, ad eccezione delle carni bovine, dello zucchero e del vino, che sono soggetti a contingenti tariffari preferenziali. Per quanto riguarda le esportazioni dell'UE nella Macedonia del Nord, alcuni prodotti non sono stati completamente liberalizzati, ma beneficiano di una riduzione dell'aliquota di base del paese (ad esempio le carni, i prodotti lattiero-caseari e alcuni prodotti ortofrutticoli).

Nel settore agroalimentare l'UE vanta un notevole avanzo commerciale nei confronti della Macedonia del Nord, costituito principalmente da prodotti lattiero-caseari, carni e animali vivi. In compenso, dalla Macedonia del Nord l'UE importa principalmente prodotti ortofrutticoli, vino e tabacco.

Informazioni correlate

Accordo di stabilizzazione e associazione UE-Macedonia del Nord

Agri-food trade statistical factsheet – North Macedonia
English
(418.52 KB - PDF)
Scarica

Serbia

Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e la Serbia sono disciplinate dall'ASA UE-Serbia, entrato in vigore il 1º settembre 2013, anche se la parte relativa agli scambi commerciali era già entrata in vigore tramite un accordo interinale il 1º gennaio 2009 in Serbia e il 1° febbraio 2010 nell'UE. L'accordo prevede un elevato livello di liberalizzazione, con poche eccezioni riguardanti un numero limitato di prodotti agricoli. Ai sensi dell'accordo, tutti i prodotti agricoli originari della Serbia possono entrare nell'UE in esenzione da dazi, ad eccezione delle carni bovine, dello zucchero e del vino, che sono soggetti a contingenti tariffari preferenziali. Per quanto riguarda le esportazioni dell'UE in Serbia, alcuni prodotti non sono stati completamente liberalizzati, ma beneficiano di una riduzione dell'aliquota di base del paese (ad esempio le carni, i prodotti lattiero-caseari e alcuni prodotti ortofrutticoli).

Nel settore agroalimentare la Serbia vanta un avanzo commerciale nei confronti dell'UE, costituito principalmente da frutta, verdura, cereali e zucchero. Viceversa, l'UE esporta principalmente in Serbia carni, prodotti lattiero-caseari e preparazioni alimentari.

L'accordo di stabilizzazione e associazione garantisce la protezione reciproca di tutte le indicazioni geografiche in esso elencate.

Informazioni correlate

Accordo di stabilizzazione e associazione UE-Serbia

Agri-food trade statistical factsheet – Serbia
English
(412.46 KB - PDF)
Scarica

Turchia

Nel 1996, nell'ambito dell'accordo di associazione del 1963, l'UE e la Turchia hanno creato un'unione doganale, che però non riguarda i prodotti agricoli. Le relazioni commerciali nel settore agricolo tra l'UE e la Turchia sono disciplinate dall'accordo UE-Turchia sul commercio di prodotti agricoli. L'accordo è stato modificato nel 2006 per tener conto dell'allargamento dell'UE del 2004 e poi nuovamente nel 2018, per tener conto di una modifica nella definizione di un contingente per le carni bovine assegnato all'UE.

L'accordo è asimmetrico. La Turchia beneficia di una completa eliminazione dei dazi ad valorem su tutti i prodotti agricoli, ad eccezione di quelli più sensibili, che sono soggetti a contingenti. Le preferenze dell'UE sono limitate ai contingenti elencati nell'accordo.

La Turchia è uno dei principali partner commerciali dell'UE, essendo il decimo maggiore paese di destinazione delle sue esportazioni di prodotti agroalimentari e l'ottavo più importante fornitore (2019). Nel settore agroalimentare la Turchia vanta un avanzo commerciale nei confronti dell'UE, costituito principalmente da prodotti ortofrutticoli freschi e lavorati. Viceversa, l'UE esporta principalmente in Turchia cereali, cotone e preparazioni alimentari.

Informazioni correlate

Accordo UE-Turchia sul regime applicabile agli scambi di prodotti agricoli

Agri-food trade statistical factsheet – Turkey
English
(436.97 KB - PDF)
Scarica